I Procuratori della Repubblica Silvia Della Monica e Pier Luigi Vigna convocano Pietro Mucciarini per interrogarlo sul delitto di Signa del 1968. Il Mucciarini riferisce che ha sentito il nipote Natalino, il giorno 16 agosto 1968, parlare con sua moglie Antonietta alla quale diceva che dopo l’omicidio della madre era stato accompagnato a casa del De Felice da una persona che non era suo padre.

Il Mucciarini ricorda inoltre di essere stato, assieme al cognato Marcello Chiaramonti, il giorno 23 agosto 1968 presso l’abitazione di Stefano Mele, il quale piangente ripeteva che lo avrebbero condannato all’ergastolo.

Quando Mele ci vide arrivare scoppiò a piangere, dicendo che gli avrebbero dato l’ergastolo. “Io gli chiesi cosa aveva fatto e lui rispose: «non ce la facevo più» e piangeva”. Condotto in caserma il Mele, egli aveva parlato con lui, per invitarlo a dire la verità, ma Stefano rispondeva: “Mi ammazzano il figlio”. Alla domanda ‘chi?’, taceva. Il Mele non gli dava risposta neanche alla domanda: “la pistola dove l’hai comprata e dove l’hai messa?”.

Interrogato sul giorno in cui partecipò all’interrogatorio di suo cognato Stefano Mele il Mucciarini dichiara: “Li nella caserma scambiai poi qualche discorso in privato con lo Stefano e lo invitavo ancora a dire la verità e lui se ne usci con questa frase “mi ammazzano il figlio”. Chi? gli chiesi e lui rimase zitto.

Mucciarini riporta inoltre un’altra informazione: “Mia moglie un giorno, prima del processo d’appello a Firenze, mi riferì che era andato a trovarla a casa uno dei fratelli Vinci il quale le aveva chiesto di poter parlare in carcere con il Mele Stefano dicendo che si sarebbe fatto passare per un parente. Questo Vinci disse a mia moglie che lo Stefano scontava una pena senza aver commesso il fatto“.

Inoltre, quanto ai Vinci, Mucciarini ricorda che dopo l’omicidio si seppe della tresca della Locci con uno di loro, e che nella famiglia Mele si sospettava di lui. Conferma anche l’intestazione del motorino di un Vinci a Stefano, e della visita ricevuta da sua moglie Antonietta, poco prima del processo d’appello, da un altro Vinci che diceva Stefano innocente e voleva fargli visita in carcere. Poco prima lui, Mucciarini, aveva saputo che qualcuno lo cercava, per parlargli, sul posto di lavoro, e dopo la visita alla moglie, aveva supposto che si trattasse del Vinci, appunto.

Estratto dalla Sentenza Rotella.

 

26 Agosto 1982 Interrogatorio di Piero Mucciarini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore