Il 5 novembre 1991 viene convocato in Questura Walter Ricci, e viene interrogato sulla sua conoscenza di Pietro Pacciani. Ricci conferma di aver conosciuto Pacciani quando abitava a Montefiridolfi e di aver visto a casa di quest’ultimo un fucile da caccia appeso al muro della cucina, lo descrive come “un fucile da caccia a cani esterni tipo doppietta“. Il Ricci risulta imparentato con Mario Vanni in quanto sua suocera risultava cugina della madre di Vanni. Rispetto a Vanni dichiarò di averlo visto in compagnia di Pacciani svariate volte, ed anche insieme ad un maresciallo in pensione. Si intrattenevano a bere e giocare a carte presso “la Cantinetta del Nonno” a San Casciano, inoltre frequentavano assieme le sagre locali. Nella testimonianza Ricci riferisce anche le parole di Mario Vanni rispetto a Pacciani: “… quello mi fa paura con quel pistolone che si porta sempre in macchina“.

5 Novembre 1991 Testimonianza di Walter Ricci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore