Il 14 (giorno non certo) novembre 1996 Giancarlo lotti consegna una lettera da lui scritta al Dottor. Fausto Vinci e al Dottor. Fabio Cilona della questura i quali il 15 novembre 1996 la inoltrano al Sostituto Procuratore Paolo Canessa.

Nella lettera il Lotti cita l’episodio che lo vede protagonista del ricatto da parte di Pietro Pacciani e Mario Vanni che l’hanno indotto a partecipare al duplice delitto di Giogoli.

Il testo della lettera scritta da Lotti:

Sono venuti a casa via Lucciano, ano pichito a la porta. Chi e. Siamo noi. Chi. Mario. Pietro Pacciani. Che volete da me. Devi venire con noi. Perché devo venire. Se no si parla. Che vacevi in quella piazzetta che la strada. verso il bardella. Ti inculavi Fabrizio. Sono andato con loro. La strada che va a Giovoli. Siamo arivati vicino ale piazetta dove avenuto omicidio. Io sono ceso da la machina. Mario e Pacciani erano gia cesi e andavano il fulgone. Poi mi a chiamato. Vieni qui. Perche. Viene devi sparare tu. Io. Allora mi a dato la pistola in mano. Spara e o sparato diverse colpi. Se lio presi bene. Poi mia presa la pistola di mano. Andate verso la parte sinistra. Altri spari. Poi aperto lo sportelo. A visto che erano due omini. Allora sie incazzato come una bestia. Allora io mi sono alotanato verso la machina. Pietro mi a detto va via. Si vado via. Perche vai via. Poi sono salito in machina. Sono andato a casa. Andato a letto. Ma no mi riuciva dormire. Dove li date queste cose della donna. Il seno vagina o fica Mario volio sapere chi le date dottore che si serviva Pietro Pacciani. Vi pagava in soldi. Ma quello no mi voleva dire per che ne faceva di vagina e se pérche fate cose mostrose. Ma io no. Le altri fatte. Non avete rimorsi. A me mi fato schifo e co bestie come voi Mario e Pacciani per me vi farrei sparire per sempre dalla circlazino.

14 Novembre 1996 Lettera di Giancarlo Lotti
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore