Il 20 giugno 1996 Giuseppe Sgangarella rilascia una nuova testimonianza dopo quella del 10 giugno 1996.

In questa testimonianza dichiara di aver visto spesso Pietro Pacciani celebrare riti magici ed esoterici con candele, foto, disegni e croste di formaggio. Disse che Pacciani, due settimane prima di uscire dal carcere, gli aveva detto che era molto legato a lui e gli aveva promesso una piccola abitazione che era vicina alla sua casa. Sgangarella rimase sorpreso per questo fatto e per l’offerta generosa di Pacciani.

che io sappia l’amante del Pacciani era la moglie di Rubino. So questo per avermelo detto lo stesso Pacciani, il quale appunto nelle confidenze fattemi mi disse che faceva l’amore con la moglie di certo Rubino e che aveva avuto dei problemi che non mi precisò con questa donna

Nota informativa della Squadra Mobile del 3 dicembre 2001 e  Vedi Nota Finale Gides 4 aprile 2007 Pag. 183

20 Giugno 1996 Testimonianza di Giuseppe Sgangarella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore