Il 6 Novembre 1991 il Procuratore Pier Luigi Vigna e il Commissario Ruggero Perugini chiamano a testimoniare Miranda Bugli presso gli uffici della Procura. Le domande rivolte alla Bugli sono in primis atte ad identificare i luoghi dove la donna ha abitato dopo la scarcerazione dell’11 settembre del 1957.

La Bugli riferì tutti gli spostamenti cosi riassumibili:

Appena uscita dal carcere si sposò con Giuseppe G. nel settembre del 1953 e si trasferì nel comune di Vicchio dove abitò con i suoceri per circa un anno e mezzo. Dal matrimonio nacquero tre figli. Si trasferirono poi a Ponte a Vicchio dove rimasero un paio d’anni per poi trasferirsi nuovamente nel 1961 a San Marino alla Palma. Nel 1962 si trasferirono a Lastra a Signa dove abitarono fino al 1969. Prima in via Matteotti 12 e poi sempre a Lastra a Signa in via del Prato 7. Nel 1969 la Bugli con tutta la famiglia si trasferì a Londa nel Mugello (o a Ricine?). Nel 1970 traslocarono nuovamente per trasferirsi a Scandicci dove fu assunta dal fratello per lavorare al Bar della casa del popolo. Nel 1984 acquistarono una casa a Montelupo Fiorentino in località Turbone e vi si trasferirono definitivamente nel 1986.

Ammise di aver rivisto una sola volta Pietro Pacciani quando abitava a Ricine, si presentò all’improvviso con l’intenzione di chiedergli perdono.

6 Novembre 1991 Testimonianza di Miranda Bugli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore