Bruno Fortunato era agente della Polfer. Nato a Portici nel Napoletano.

Restò ferito il 2 marzo 2003 nella sparatoria sul treno Roma-Firenze, nella quale morirono il sovrintendente di polizia Emanuele Petri, il brigatista Mario Galesi e fu catturata Nadia Desdemona Lioce. Quel giorno svolgeva servizio di scorta viaggiatori su un treno regionale sulla tratta ferroviaria Roma-Firenze. Poco dopo la fermata alla stazione di Camucia-Cortona, Fortunato assieme a Petri e gli altri colleghi, durante controlli di routine, decidono di verificare le generalità di un uomo e una donna che viaggiavano a bordo del vagone. Questi passeggeri, dopo aver esibito documenti falsi ai poliziotti che si accorgevano delle incongruenze, reagiscono nei loro confronti con un conflitto a fuoco dove Petri trova la morte.

Si è suicidato a Nettuno il 9 aprile 2010 a 52 anni. Era in pensione come poliziotto della Polfer. Fortunato si è ucciso sparandosi un colpo alla testa con la sua pistola intorno alla mezzanotte presso la sua abitazione ad Anzio. La pistola con la quale l’ex agente Polfer si è sparato non era quella di ordinanza ma una che l’uomo regolarmente deteneva. Fortunato, non ha lasciato nessun biglietto per spiegare il suo suicidio.

Bruno Fortunato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore