Luigi Napoleoni è nato a Sanbuci (ROMA) il 9 giugno 1930.

Nel 1985 era Ispettore di polizia e prestava servizio presso la Questura di Perugia alle dipendenze del dirigente Alberto Speroni.

Napoleoni si è trovato più volte ad indagare, sia in Umbria (Perugia e Foligno) che in Firenze, rispetto i delitti del MdF e rispetto ad alcuni delitti di ragazze uccise nel fiorentino.

Attività d’indagine, anche fuori della giurisdizione di competenza, della quale non c’è traccia neppure agli atti della Autorità Giudiziaria, che doverosamente avrebbe dovuto essere comunque avvisata. Attività d’indagine, peraltro, molto specifica ove si consideri che l’ispettore addirittura si recò a Firenze per individuare l’appartamento del Narducci e poter rinvenire le parti anatomiche asportate alle povere vittime che sarebbero state tenute sotto formalina o alcol, come dallo stesso affermato nelle sue testimonianze. Vedi Richiesta decisione di competenza 15 luglio 2005 pag. 13

Nei giorni della scomparsa di Francesco Narducci ha aiutato nelle ricerche.

A distanza di anni non è stato chiarito da chi fosse stato incaricato nell’eseguire le indagini su citate, il suo diretto superiore Speroni negò di conoscere queste indagini nella sua testimonianza del 27 novembre 2003. E’ però certo che queste indagine le abbia compiute dato il ritrovamento dei suoi appunti investigativi e di alcune note di servizio consistenti in prospetti di lavoro straordinario ritrovati presso la stessa Questura.

Non molto chiaro è in che maniera ha prestato la sua opera nel periodo della ricerca e dopo il ritrovamento del corpo riconosciuto come Francesco Narducci nel giorno 13 ottobre 1985.

Il Napoleoni è stato sentito come persona informata dei fatti il 25 gennaio 2002 e il 26 giugno 2002.

E’ stato invitato per ben due volte negli uffici del G.I.De.S. a Firenze, per essere sentito su delega Giuliano Mignini, l’ispettore non si è presentato adducendo motivi di salute.

Luigi Napoleoni
Tag:             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore