Il 5 Gennaio 1996 Pietro Pacciani invia un memoriale, da lui scritto, all’A.N.S.A. di Firenze.

Questo un estratto da quel memoriale: “…come questo anonimo che ha mandato 22 lettere alla magistratura. Ora a favore, ora contrario, ora si spaccia prof. di paratomia, poi poliziotto, poi esperto nelle armi e tira a segno. Ha spedito proiettili ai magistrati, lettera con pelle, lettera a Della Monica, accusando ora quello ora l’altro, minacciando la magistratura…poi altri 5 omicidi mentre io ero arrestato e sono Vinci e Baggiu bruciati e incaprettati in una macchina, poi l’amante di Vinci , Wilma Malatesta e il figlio Mirco, pure loro bruciati in macchina sempre nel Mugello, poi ancora a Firenze in una pensione la Mazzei che dava camera a pagamento ed era l’amante di Vinci, fu strangolata, poi un’altra donna ancora altro fatto che per tre volte fu spezzato la croce della povera Rontini e dato fuoco.. poi fu mandato 32 lettere impostate a S. Piero a Sieve, minacce di morte ai miei avvocati ecc.. ecc… e io sono in carcere ed è la solita mano, è sempre questo pazzo che ha fatto tutto questo..

5 Gennaio 1996 Pietro Pacciani spedisce un memoriale all’ANSA
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore