In base alla Nota del 10 novembre 1984, rilasciata dal Giudice Mario Rotella alcuni carabinieri, il Colonello Nunziato Torrisi e il Maresciallo Salvatore Congiu, andarono a Villacidro (Sardegna) per acquisire i fascicoli relativi alla morte di Barbarina Steri. Acquisirono il verbale di sopralluogo e il rapporto giudiziario in merito alla vicenda. Oltre questi acquisirono anche il rapporto giudiziario n°140 del 10 dicembre 1959 relativo a Barbarina Steri, accusata di atti osceni in luogo pubblico e simulazione di reato, e Antonio Pili, accusato di atti osceni e porto abusivo di armi. Inoltre acquisirono i fascicoli processuali relativi al “suicidio” di Barbarina Steri.

Durante le loro indagini i CC apprendono anche che a Villacidro furono vendute ben 11 esemplari di Beretta calibro 22. Le loro indagini appurarono che 10 di queste pistole erano regolarmente detenute e verificate, mentre una era sparita in quanto il proprietario si era trasferito in Olanda. Si tratta di Franco Aresti che da una rapida indagine risultò deceduto in Olanda il 9 novembre 1963 senza che la pistola fosse restituita alle forze dell’ordine, ceduta a terzi, denunciata per smarrimento o ritornata ai parenti.

14 Novembre 1984 Indagini a Villacidro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore