Rolf Reinecke è un cittadino tedesco nato nel 1937. Come imprenditore realizzò una società che si occupava del “la lavorazione di carbonizzatura lana e altre lavorazioni tessili”. L’azienda fu registrata il 29 novembre del 1958 a Vaiano (PO) da Reinecke e da un socio, l’azienda aveva sede nella frazione della Briglia .

Nel giugno del 1963, il 15, si sposò con Lucia Bartolini, la sorella della moglie del suo socio nella società suddetta. Con la Bartolini ebbe tre figli, due femmine una nata il 30 settembre 1964 e l’altra il 29 dicembre 1971 e un figlio maschio di nome Marco nato il 24 luglio 1966.
Il 15 marzo del 1978 prese in affitto un appartamento che si trovava sul retro di villa La Sfacciata e vi si accedeva da via di Giogoli dal civico 4/6. Consisteva in un appartamento di quattro vani più servizi.
Agli inizi della decade del 1980 si separò dalla moglie.
Si accompagnò in seguito con una donna di nome Francoise Walther ed i due tornarono ad abitare nell’appartamento all’interno del complesso di villa La Sfacciata.
Il 10 settembre 1983 scopri i corpi di Uwe Jens Rusch e Wilhelm Friedrich Horst Meyer.
Nel 28 giugno 1985 fu condannato per detenzione illegale di armi.
Il 19 ottobre 1987 fu condannato per inadempienza al pagamento del canone di affitto dell’appartamento a villa La Sfacciata.
Il 29 giugno 1987 Rolf Reinecke presenta un ricorso al Tribunale di Firenze per lo scioglimento del matrimonio con Lucia Bartolini. Viene, il 16 novembre 1987, dichiarato ufficialmente divorziato.
Nel 1996 è morto per un ictus a Bamberg in Germania.
Rolf Reinecke

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore