Il 30 ottobre 2001 viene consegnata la perizia eseguita da Francesco Mari ed Elisabetta Bertol, e commissionata dal Sostituto Paolo Canessa, sui liquidi biologici prelevati dal cadavere di Pietro Pacciani e conservati congelati.

La perizia rivela la presenza, nel corpo di Pacciani, di un farmaco a base di formoterolo, Eolus, usato da soggetti asmatici (Pacciani non lo era) e fortemente sconsigliato in una soggetto cardiopatico e diabetico. Si stabiliva, quindi, che quel medicinale avrebbe causato o concausato uno squilibrio delle cellule del miocardio con conseguente forte aritmia e infarto. In buona sostanza si sarebbe trattato di una morte non naturale, ma indotta dall’assenza dei normali farmaci che Pacciani avrebbe dovuto assumere e dalla presenza di un farmaco controindicato.

In una recente partecipazione televisiva condotta da Corrado Augias, i due consulenti, in particolare Elisabetta Bertol, senza mezzi termini, ha asserito che Pacciani era stato ucciso.

30 Ottobre 2001 Consegna della perizia tossicologica su Pietro Pacciani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore