Una analisi di Valeria Vecchione sul passaggio dato ad Anna il 26 settembre 1985 da un uomo su una Talbot celeste. L’uomo avrebbe parlato ad Anna della lettera inviata a Silvia della Monica il 10 settembre 1985 prima che questa notizia fosse di dominio pubblico.

 

Aggiunta del 4 Novembre 2021

30 Ottobre 2021 Analisi di Valeria Vecchione: Il passaggio in auto ad Anna
Tag:                     

2 pensieri su “30 Ottobre 2021 Analisi di Valeria Vecchione: Il passaggio in auto ad Anna

  • 15 Maggio 2024 alle 18:50
    Permalink

    L’ uomo che si presentò alla questura assieme al suo avvocato negò di aver mai detto niente alla ragazza,questa è la cosa grave,se la notizia l’ avesse saputa prima della sua divulgazione ufficiale non vi sarebbe stato niente di strano,cosa strana ma plausibile,il fatto è che lui ha negato questa cosa,e soprattutto il tizio del passaggio corrisponde in pieno all’ identikit,quello fatto da Baldo Bardazzi e da altri,nel 1984, e no,qua non si deve ridurre la cosa ad una fuga di notizie riservate a cui può aver attinto l’ uomo della Talbot,qua si deve tenere conto che lui ha negato di aver detto la notizia e ha fatto passare la ragazza per visionaria,e soprattutto l’ identikit che girava in quel periodo era identico a lui. E poi come faceva lui a ricevere confidenze così riservate,anche se la notizia poteva in maniera minima essere trapelata? Per saperla doveva essere molto dentro gli ambienti della procura ,delle forze dell’ ordine o di quei due giornalisti. Poi durante il passaggio ha domandato delle cose inerenti alle indagini di borgo San Lorenzo,quindi presumo di riferisse al 1974 o saggiava il terreno per qualche altro evento.

    Rispondi
    • 14 Giugno 2024 alle 14:40
      Permalink

      Secondo me l’uomo che vide Bardazzi nel suo bar lo descrisse in modo diverso rispetto alla persona ritratta nel fotofit mostrato anche nel programma Far West.
      C’è inoltre un altro fatto.
      La mamma di Pia Rontini (Winnie) sentita dagli inquirenti a poche ore dal ritrovamento dei corpi dei due ragazzi disse che Pia era rientrata nel pomeriggio per prepararsi al turno di lavoro. Questo avveniva negli stesso momento in cui Bardazzi vedeva il tizio rossiccio e la coppia nel suo locale. Ergo : molto difficile che Bardazzi abbia visto la coppia Rontini/Stefanacci nel suo bar.
      Tralasciando inoltre il fatto che questo tipo di serial killer si mostra in giro ed importuna ragazze poche ore prima di uccidere (vedi testimonianze delle colleghe di Pia Rontini).
      Anna e l’autostop.
      Non mi pare che Anna abbia fornito una descrizione dettagliata e soprattutto coincidente con la persona ritratta nel fotofit.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore