Il 14 Novembre 2005 rilascia testimonianza Vincenza Ciampana.

Questa la testimonianza: CIAMPANA Vincenza testimonianza 14 11 2005

Questa la trascrizione:

QUESTURA DI PERUGIA
Squadra Mobile
OGGETTO: Verbale di sommarie informazioni rese da CIAMPANA Vincenza nata a Corciano, Pg, il 30.01.1954, residente a Foligno in Via Sicilia nr.40 identificata a mezzo C.I. nr.AG2486546 ril Comune di Foligno in data 09.02.2001, Ostetrica, tel XXXXXX.———-

Il giorno 14 del mese di novembre , dell’anno 2005, alle ore 17,35 , in Foligno, presso il Commissariato della Polizia di Stato, dinnanzi agli Ufficiali ed Agenti di P.G., Vice Sovrintendente Emili Salvatore ed Assistente Capo Bordoni Plinio, è presente la nominata in oggetto per esigenze investigative, e si ricorda alla persona informata sui fatti che ha l’obbligo di rispondere secondo verità alle domande che le saranno rivolte e di non tacere su circostanze conosciute.———————————-
Domanda: Che mansioni ha svolto all’interno dell’Ospedale di Foligno ed in particolare nel secondo semestre del 1985?————————————-
Risposta: ho iniziato a lavorare nell’ospedale di Foligno dal primo Ottobre del 1975 sempre con la qualifica di Ostetrica, presso il reparto di ostetricia ginecologia, a tutt’oggi.——————————————————————————— ——-
Domanda: In che orari il Professore Ugo Narducci era presente all’interno
dell’Unità Organica di Ostetricia e Ginecologia?——————————
Risposta: Il Professor Narducci Ugo, nei giorni pari ovvero martedì giovedì e sabato arrivava tutte le mattine alle ore otto e ripartiva alle ore 13,00. Nei giorni in cui c’erano gli interventi chirurgici, ovvero lunedì, mercoledì e venerdi, il professore arrivava alla mattina alle otto e dopo gli interventi usciva alle 13,00 e tornava nel pomeriggio alle 16,00 al reparto per visitare le degenti che erano state sottoposte ad intervento chirurgico e quelle in sala travaglio. La domenica e i festivi infrasettimanali, il Professor Ugo non lavorava mai. Che io sappia il Professore aveva un ambulatorio in Via dei MOLINI a Foligno, ma non saprei dare ulteriori notizie in quanto non ci sono mai stata.————————————-
Domanda: Che rapporti intratteneva il Prof. Ugo Narducci con il personale?———
Risposta: Con il personale il Professore intratteneva rapporti professionali e seguiva una gerarchia e come referente di reparto per le ostetriche aveva la capo ostetrica BALDASSARRI Giordana. A livello di chiacchiere, provenienti da fuori l’Ospedale qualcosa si vociferava, di un rapporto sentimentale con la BALDASSARRI, ma con certezza non vi saprei dire.————————————–
Domanda: Con chi aveva rapporti più stretti il Prof. Ugo Narducci, sia di interesse professionale che di amicizia?—————————————————-
Risposta: i rapporti professionali più stretti li aveva con il personale medico, Dott. TONELLI Mario e la BALDASSARRI, a livello di amicizia non saprei.————–
Domanda: Ci sono stati dei periodi in cui il Prof. Ugo Narducci è stato assente?——
Risposta: Il Professore quando era assente lo diceva sempre prima, era una persona programmata e non era mai imprevedibile..—————————————
Domanda: Ha mai visto il Prof. Ugo Narducci con un atteggiamento preoccupato o comunque diverso dal solito?—————————————————–
Risposta: che io ricordi, no, lui era sempre uguale. —————————————
Domanda: Ha mai notato presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Foligno, la presenza dei figli maschi del Prof. Ugo Narducci, cioè Francesco e Pier Luca?
Risposta: ricordo la presenza di entrambi i figli, cioè sia di Pierluca che Francesco. Pierluca lo ricordo anche all’interno della sala operatoria ed ha operato insieme al padre, mentre Francesco l’ho visto un paio di volte, ma sempre vestito in borghese. Io ho conosciuto Francesco alla discoteca Blek Box, sita al Colle della Trinità di Corciano, negli anni del 1971. Ricordo che con me c’erano delle mie amiche e precisamente Cappelletti Maria ed un’altra che è deceduta e si chiamava Cappelletti Francesca. Nel gruppo degli amici di Francesco ricordo che c’era Gianni Balsotti, il fratello di Gianni Balsotti, se ben ricordo c’era anche Brizioli di cui non ricordo il nome ed un’altra persona che attualmente fa parte delle liste politiche di Forza Italia a livello locale. Io non ho mai frequentato Francesco Narducci all’infuori dei fortuiti incontri all’interno dell’anzidetta discoteca.——————————————————————————————-
Domanda: Ricorda se ci sono stati degli episodi particolari legati alla presenza di Francesco e Pierluca?————————————————————–
Risposta: ricordo di avere sentito dire che uno dei dottori del reparto si è lamentato in quanto in occasione di una operazione di sala operatoria, si è servito della collaborazione del figlio Pierluca come secondo , anziché dei dottori del reparto.—-
Domanda: Conosce la signora Zenobi Enza, sa che attività lavorativa svolge, che persone frequenta, e lei in che rapporti è con la stessa?———————-
Risposta: si ricordo che era la caposala della sala operatoria. Io con lei avevo solo un rapporto di lavoro e non so chi poteva frequentare.——————————
Domanda: Conosce Bordighini Bruno? Sa che lavoro effettuava nel secondo semestre del 1985?—————————————————————-
Risposta: si lo conoscevo era il marito della Zenobi Enza, quando io sono arrivata all’Ospedale lui lavorava al pronto soccorso come infermiere professionale, ha fatto parte anche di un gruppo di persone indicate come selettori per un corso di infermieri professionali, di cui facevo parte anche io, poi credo che sia andato in qualche servizio ambulatoriale come l’ex INAM.——————————————-
Domanda: E’ a conoscenza se il Bordighini Bruno facesse parte di qualche associazione e se si mi sa dire il nome di questa associazione e dove si
trovava o si trova la sede?——————————————————–
Risposta: si Bordighini faceva parte del sindacato e precisamente della CGIL, anche io ne ho fatto parte per un periodo in quanto frequentavo le riunioni sindacali e precisamente dal 1976 al 1978, circa. Io mi sono iscritta e cancellata per due volte dalla CGIL per poi iscrivermi e cancellarmi dalla UGL.——————
Domanda: Mi sa dire le persone che frequentava Bordighini Bruno?——————-
Risposta: Bordighini era un attivista del sindacato, proponeva, organizzava anche scioperi ed aveva contatti con tutto il personale dell’Ospedale. Lui come luogo di ritrovo , per quanto riguarda il sindacato aveva una stanza sita in via dei Molini a Foligno, precisamente dove ora c’è il centro trasfusionale AVIS. Lui era della corrente politica del PCI, ma non saprei dire con chi poteva avere dei diretti contatti.——————————————————————————————–
Domanda: Sa se il Bordighini Bruno ha avuto problemi, di qualsiasi genere, all’interno dell’Ospedale o al di fuori della struttura Ospedaliera?——–
Risposta: so che il Bordighini ha avuto dei problemi con la moglie in quanto si era separato dalla stessa. Lui ha avuto una relazione, prima con una donna a nome Oriana, infermiera o allieva dell’Ospedale di Foligno e so che poteva avere la disponibilità unitamente al Bordighini della casa sita in Santa Lucciola di Spello, casa, in precedenza abitata da me. In un secondo tempo e motivo di separazione dalla moglie è stato dovuto dal fatto che lo stesso è andato a vivere per un periodo di tempo con una infermiera a nome Luciana Rossi.———————-
Domanda: Sa se il Bordighini Bruno conoscesse il Prof. Ugo Narducci, oppure se c’era un rapporto di conoscenza o frequentazione fra i componenti delle due famiglie?————————————————————————-
Risposta: si lo conosceva, anche perché in quegli anni eravamo in pochi e ci si conosceva un po’ tutti.————————————————————————-
Domanda: Sa se si erano verificati eventi che hanno portato ad un contrasto fra Ugo Narducci e Bordighini Bruno?—————————————————–
Risposta: no non sono a conoscenza di situazioni di contrasto fra i due.————-
Domanda: Sa se presso il reparto di cui il Prof. Ugo Narducci era il responsabile c’è stata la presenza di pazienti giunti da fuori regione, e dalla Toscana?—–
Risposta: una mia collega, non ricordo se si tratta della Graziosi o Fulvi, che è già stata sentita da voi, mi ha detto di questa domanda che gli avete formulato ed io incuriosita sono andata a prendere i registri dell’epoca, riferendoci al 1985, ed ho visto che non ci sono stati ricoveri dalla regione Toscana.——————————-
Domanda: Della scomparsa di Francesco Narducci, chi l’ha messa al corrente, quando lo ha saputo e come lo ha saputo?————————————–
Risposta: io ho saputo della scomparsa di Francesco al reparto, posso dire che era di giorno, io effettuavo i turni e non so se era di mattina o di pomeriggio, in quel periodo avevo dei problemi in quanto avevo mio padre che stava morendo ed ero in via di separazione con il mio convivente, quindi ero presa da seri problemi personali e le cose che non mi riguardavano personalmente non le ho memorizzate.
Domanda: Durante la scomparsa di Francesco è mai stato al lago Trasimeno ed ha mai preso parte alle ricerche?—————————————————–
Risposta: no, non sono mai stata al lago a prendere parte alle ricerche.————–
Domanda: E’ mai venuto a conoscenza di commenti, definibili strani per la loro natura, su qualcuno dei componenti della famiglia di Ugo Narducci?—–
Risposta: no, mai.——————————————————————————-
Domanda: Ha mai ricevuto confidenze o udito commenti, in occasione della
scomparsa e dei motivi della stessa, di Francesco Narducci?—————-
Risposta: solo all’interno del reparto ho udito commenti in relazione alla scomparsa di Francesco, si diceva che si cercava al lago Trasimeno e che probabilmente era affogato.——————————————————————–
Domanda: In occasione della scomparsa di Francesco Narducci, periodo che va dall’8 al 13 ottobre 1985, mi parli del Prof. Ugo Narducci, cioè, era presente presso il Reparto, come era il suo stato di umore, quali erano i suoi rapporti con il personale in genere e con i suoi più stretti collaboratori, sa se ha ricevuto visite da persone che collaboravano alle
ricerche del figlio e se ha effettuato dei spostamenti in altri luoghi?——–
Risposta: se ben ricordo in quel periodo il professor Ugo Narducci non era presente all’interno del reparto. Non so se ci sono state delle persone che lo hanno cercato al reparto per i motivi legati alla scomparsa di Francesco.————-
Domanda: Conosce le attività e le frequentazioni, anche professionali di Francesco Narducci?—————————————————————————-
Risposta: so solo che era un gastroenterologo e che era diventato professore.——-
Domanda: Da chi come e quando è stato informato del rinvenimento del cadavere di Francesco, e quale era il luogo dove è stato rinvenuto?——————–
Risposta: io facevo i turni, in quel periodo era stato apportato un cambiamento alla turnazione e non ricordo quale delle due veniva effettuata, comunque erano cosi articolate : 1) il sabato, la domenica e il lunedì, venivano fatte tre mattine o pomeriggi, o tre notti o tre riposi; poi il martedì e il mercoledì si effettuava due pomeriggi o due notti o due riposi; il giovedi e il venerdi si effettuavano due notti, poi due riposi, due mattine e in seguito due pomeriggi. 2) la seconda turnazione si effettuavano due pomeriggi, un riposo, due mattine e due notti per poi iniziare con i pomeriggi. Io ho saputo del ritrovamento del cadavere di Francesco che era di giorno, non ricordo che turno effettuavo, comunque sono in grado di risalire a saperlo in quanto ci sono i registri nell’archivio del reparto. La notizia è arrivata di sicuro al reparto ma non so dire a chi e da chi è stata divulgata. In merito al luogo del ritrovamento del cadavere mi viene in mente che sia stato trovato a Sant’Arcangelo, ma non so se nel lago o sulla riva.—————————————-
Domanda: Che commenti ha udito o che confidenze ha ricevuto in merito alla causa della morte di Francesco Narducci?————————————-
Risposta: in merito alla morte di Francesco si commentava il fatto che era strano che lui poteva essere morto così, cioè affogato, visto che era un bravo nuotatore.
Ci si chiedeva come mai si poteva essere suicidato, visto che era una persona che aveva tutto, poi c’era anche il dott. Balsotti che diceva che stava organizzandosi con Francesco per le ferie natalizie e quindi il suicidio sembrava sfumare come causa di morte. Si è parlato anche che poteva essere stato ammazzato, ma non si riusciva a trovare un movente. Comunque in meritò si vociferò anche che lui poteva avere dei debiti di gioco e quindi quello poteva essere un motivo. Posso dire che poco dopo la morte di Francesco all’interno del reparto, sempre con un minimo di omertà si vociferava che Francesco poteva essere coinvolto con i duplici omicidi fiorentini.———————————————————————————
Domanda: Sa se Francesco aveva nemici, oppure conosce fatti per il quale si sarebbe potuto suicidare?———————————————————-
Risposta: no, non sono a conoscenza di notizie utili.————————————-
Domanda: lei ha partecipato ai funerali di NARDUCCI Francesco?——————-
Risposta: no io non sono andata ai funerali, so però che Bordighini ha partecipato e che ha portato un mazzo di fiori, se ben ricordo rose rosse con una cravatta.——
Domanda: Sa se Francesco per motivi personali e/o professionali frequentasse la zona di Firenze o la regione Toscana?——————————————-
Risposta: no non ne sono a conoscenza.—————————————————-
Domanda: Sa o ha mai sentito dire, e da chi, del coinvolgimento di Francesco nella vicenda dei duplici omicidi di coppie, verificatisi in territorio fiorentino e nella zona di Calenzano, omicidi attribuiti al cosiddetto “Mostro di Firenze”?——————————————————————————
Risposta: come già riferito, riconfermo quanto ho dichiarato in merito.————–
Si da atto che il presente verbale è stato redatto in forma riassuntiva, è stato chiuso alle ore 20.25 odierne, ed è stato sottoscritto dai redigenti e dal verbalizzato.———-

14 Novembre 2005 Testimonianza di Vincenza Ciampana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore