Il 27 Maggio 2005 rilascia testimonianza il Prof. Antonio Morelli.

Ha parlato di un fatto sopraggiunto in tarda mattinata e cioè la difficoltà del Narducci nell’effettuare un esame gastroscopico o colonscopico e un’ulteriore telefonata per il Narducci da parte di persona residente a Firenze. Ha detto, infatti: “Per quanto riguarda la telefonata ricevuta da Francesco Narducci, questa è da collocare intorno alle ore 13 – 13.30 circa, pervenuta mentre Francesco stava effettuando un esame ad un paziente. Aggiungo che questa persona proveniva probabilmente da Firenze o era un congiunto di qualcuno che risiedeva a Firenze; tutto questo aspetto me lo ha riferito Giuseppe Piferotti, nostro infermiere di vecchia data.

Dalla Relazione Commissione Parlamentare

DOMANDA: “Ci descriva l’aspetto del cadavere che ha visto sul pontile di Sant’Arcangelo.
RISPOSTA: “Ricordo che quel cadavere era vestito con un giubbottino di renna, scarpe timberland ed una camicia con cravatta. Quel corpo era come una palla, era cianotico, edematoso, gonfio, i capelli diradati sulla fronte, gli occhi gonfi, quasi socchiusi, facies lunare, sarò stato della taglia 58 – 60. Ricordo che le braccia erano molto gonfie e non mostravano segni particolari o di lesioni o traumi, così come le altre parti del corpo che ho potuto vedere. Mi sembra di ricordare che in attesa dell’arrivo del medico che fece la visita esterna, il corpo fu coperto con un telo. In quei momenti io parlai con Ferruccio FARRONI ed esternammo ognuno varie possibilità circa le cause della morte di Francesco. Poiché me lo chiedete, vi dico che io rividi il cadavere composto sulla bara, non ricordo se nel pomeriggio stesso o il giorno successivo. Parlando con il Dr. Stefano FIUORUCCI mi ha fatto ricordare che probabilmente siamo tornati alla villa il giorno seguente. Quel cadavere aveva delle caratteristiche simili a quello che avevo visto sul molo. Era nella bara, gonfio, cianotico, color violaceo, era più composto rispetto a quello del molo.

L’ufficio dà atto che viene contestato al Prof. MORELLI che ci sono agli atti dichiarazioni di persone che hanno visto il cadavere del Prof. NARDUCCI Francesco il giorno successivo al ritrovamento, in buone condizioni e molto simile alla persona di Francesco NARDUCCI in vita.

RISPOSTA: “Ribadisco che il cadavere che ho rivisto alla villa era cianotico, gonfio e, ripeto, solo più composto rispetto a quello che ho visto al molo di Sant’Arcangelo. Poiché me lo chiedete, vi dico che non riesco a ricordare come fosse vestito ma con molta probabilità escludo che fosse vestito con gli indumenti che sono stati trovati sul cadavere riesumato a Pavia di cui mi sono state mostrate le foto. Aggiungo anche che nell’ambiente ove era esposta la bara vi era anche poca luce.

27 Maggio 2005 Testimonianza di Antonio Morelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore