Il 14 febbraio 2004 rilascia testimonianza la Dott.ssa Giuliana Spanu

Questo uno stralcio della testimonianza:

Qualche giorno fa, trovandomi nel negozio “GAD” di generi alimentari, tra via Torelli e via Piervittori, nei pressi di via Annibale Vecchi, dopo un’edicola, e ascoltando il giornale radio che parlava della morte del Narducci, la cassiera, una signora biondina, con capelli corti, sui 50 anni, mi riferì che conosceva la sorella del morto perché sua figlia andava a scuola da lei e che un giorno, portando la figlia a scuola, nel pomeriggio, così mi sembra, il personale dell’istituto le disse testualmente: “la signora non c’è. Hanno ritrovato il cadavere del fratello che forse è il mostro di Firenze. La cassiera, commentando le notizie, aggiunse che a Perugia tutti lo sapevano da tempo. Conosco questa signora da almeno quindici anni ma non so come si chiami“. La cassiera è stata identificata dalla Squadra Mobile in Ceccarelli Martina che ha confermato che mandava la figlia alla Scuola di Ginnastica Artistica di Case Bruciate ove la sua insegnante era Elisabetta Narducci. Un giorno, di pomeriggio, le dissero che doveva tornare a prendere la figlia Alessia (o glielo dissero quando l’accompagnò), perché avevano rinvenuto il cadavere del fratello dell’insegnante. Portava Alessia alla scuola due volte alla settimana ed erano giorni lavorativi, non era domenica. Dopo l’episodio, Elisabetta non tornò più a fare l’insegnante.”

14 Febbraio 2004 Testimonianza di Giuliana Spanu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore