Il 9 Settembre 2003 rilascia testimonianza Mauro Cioni pilota di elicotteri in servizio il 13 ottobre 1985 quando avvenne il ritrovamento del corpo nel lago Trasimeno. Il suo avvistamento del corpo determina una incompatibilità di orari, vedi 13 ottobre 1985.

Questa la testimonianza: CIONI Mauro testimonianza 9_9_03

Questo uno stralcio della testimonianza:

Domanda: E’ sicuro di essere stato lei a notare il corpo galleggiare segnalandolo?

Risposta: “Si ribadisco che su questo sono sicuro. L’ho segnalato via radio o al Geometra PENNELLA o alla Squadra dei Vigili del Fuoco, Non ricordo esattamente.

Domanda: Quando ha rivisto il corpo sul pontile ha capito che cosa fosse quel qualcosa di arancione da lei visto dall’alto?

Risposta: “Quando sono atterrato e sono giunto sul pontile, il corpo si trovava già avvolto in un sacco di nylon, che non mi ha permesso di vedere meglio che cosa indossasse di arancione. Di certo dall’alto, si vedeva la schiena, in quanto il cadavere era rigirato a pancia in giù, e secondo me indossava un giubbetto in nylon di colore arancione.”

Domanda: Quanto tempo è trascorso dalla sua segnalazione, al raggiungimento del pontile da parte sua?

Risposta: “Dal momento dell’avvistamento a quando sono atterrato e mi sono recato al pontile, saranno trascorsi circa 20/25 minuti, questo anche per ragioni meccaniche per le quali l’atterraggio dell’elicottero richiede del tempo.

9 Settembre 2003 Testimonianza di Mauro Cioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore