Il 5 Marzo 2003 rilascia testimonianza Gabriella Ghiribelli.

A proposito di “festini”, la Ghiribelli citava anche a quelli che si svolgevano nella casa di Salvatore indovino e dei quali aveva già fatto cenno durante l’indagine a carico di Mario Vanni e Giancarlo Lotti, anche con la partecipazione di bambini e spiegava di essere a conoscenza che:

Di solito la Milva Malatesta era quella che faceva la parte della vittima, si sdraiava nel centro del cerchio con all’interno una stella a cinque punte, poi tutti gli uomini si accoppiavano con lei; successivamente anche i bambini venivano portati nella stanza dove c’era il cerchio, ma non so cosa avvenisse dopo. Le feste avvenivano sempre a casa di Indovino, tranne una volta che andarono in un cimitero assieme al capo degli Hare Khrisna. Infatti il giorno dopo c’era un articolo sulla Nazione, che diceva che sconosciuti avevano scoperchiato le tombe. Il cimitero era nei dintorni di San Casciano ed il periodo era nei primi anni 80“.

Dal Gides 2 Marzo 2005 Nota riassuntiva Nr.133/05/GIDES Pag.20/21

5 Marzo 2003 Testimonianza di Gabriella Ghiribelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore