Il 26 Febbraio 2003 rilascia testimonianza di Mario Bellucci, testimone di nozze di Francesca Spagnoli e Francesco Narducci esponente di primo piano della massoneria perugina.

Dichiarava di essersi convinto che probabilmente Francesco potesse avere dei legami con un gruppo fiorentino ben determinato e potente coinvolto in attività criminose, precisando di aver sentito dire ciò anche prima della scomparsa, nell’ultimo mese di vita del Narducci.

Dal Gides 2 Marzo 2005 Nota riassuntiva Nr.133/05/GIDES Pag.49

Ricordo anche che un giorno, non ricordo se prima o dopo la morte di Francesco, un contadino che era venuto da me a portare dei prodotti e con il quale stavo parlando del più e del meno, fece delle allusioni ad un medico perugino che avrebbe avuto un’abitazione vicina ai luoghi dei duplici omicidi attribuiti al cosiddetto Mostro di Firenze. Ho anche saputo che la proprietaria di questo appartamento sarebbe andata a denunciare alla locale caserma dei carabinieri la scomparsa dell’inquilino che non pagava più il canone. Questa confidenza mi fu fatta da una persona autorevole quanto a serietà di cui non ricordo il nome a cui a sua volta la cosa sarebbe stata riferita da persona di origine fiorentina e più precisamente nella zona in cui avvennero parte dei duplici omicidi, in particolare la zona di Scandicci – San Casciano

Dal Gides 2 Marzo 2005 Nota riassuntiva Nr.133/05/GIDES Pag.126

26 Febbraio 2003 Testimonianza di Mario Bellucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore