Il 17 Ottobre 2002, alle 17.37, viene intercettata una telefonata tra Giovanna Ceccarelli e Adriana Frezza, numerata come n. 226, delle 17.37.

Giovanna Ceccarelli, cognata di Francesco Narducci e la madre della Ceccarelli  Adriana Frezza. (Frezza in Ceccarelli mamma di Giovanna Ceccarelli moglie di Pierluca Narducci) commentano una notizia relativa ad una vicenda di riti satanici avvenuta a Pescara.

Questo uno stralcio della conversazione: 

Dopo una lunga conversazione, quando la madre introduce, preoccupata, un tema inquietante, riportato dalla stampa, circa possibili coinvolgimenti di gruppi dediti a pratiche di tipo “magico-esoterico”, Adriana sbotta e se la prende con il cognato, cioè con Francesco. Si riporta il passaggio più significativo:

Giovanna: Eh ma oggi come ar… come ridice il giornale?

Adriana: Ma sempre le stesse cose però le dice eh! Poi adesso vengono fuori ecco queste qui … ‘sti riti, ‘ste cose a me … c’ho paura eh! perché dice che questi son vendicativi… eh … visto che … quel che fanno? … a Pescara però l’han trovati e di qui non li trovono? dice che ce sono anche di qui!

Giovanna: Eh

Adriana: Eh

Giovanna: Eh ma era tutto l’mi cognato che faceva casino no?

17 Ottobre 2002 Intercettazione telefonica tra Giovanna Ceccarelli e Adriana Frezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore