Questo uno stralcio della trascrizione della testimonianza di Emma Magara del giorno 8 ottobre 1985. Lei, insieme al marito Luigi Stefanelli (morto nel 1988), aveva svolto servizi alle dipendenze dei Narducci, tra cui quelli di fare le pulizie nella villa di San Feliciano

La donna dichiarava: “Il giorno 08/10/1985, giorno della scomparsa del prof. Narducci Francesco, io e mio marito ci siamo recati alla villa di San Feliciano del Prof. Narducci per rimettere la legna. Ci siamo recati alla villa verso le ore 14.00 circa. Ivi giunti non c’era nessuno, abbiamo notato che vi erano vistose tracce lasciate sulla breccia del piazzale di casa, lasciate molto presumibilmente da una moto. A quel punto pensammo che vi era stato Francesco, visto che lui era in possesso di una moto con la quale veniva spesso in villa. Io, comunque, ho aperto la casa per far prendere un po’ di aria in attesa che arrivasse la persona a portare la legna. Abbiamo atteso circa un’ora ma non è arrivato nessuno. Durante l’attesa abbiamo fatto un giro all’interno dell’abitazione e ci siamo accorti che sul davanzale della finestra del salone vi era un foglio di carta scritto a penna. Per pura curiosità con mio marito abbiamo cercato di leggerlo ma non siamo riusciti a decifrare il contenuto anche perché era stato scritto con una grafia a noi incomprensibile. Abbiamo anche notato che in cucina vi erano ancora le posate sporche usate dalla famiglia Narducci la domenica prima…La mattina successiva mi recavo a fare la spesa e presso il generi alimentari ho incontrato il signor Ciampana Vittorio che era il custode della villa Narducci e dallo stesso ho appreso la notizia della scomparsa del Prof. Francesco Narducci. La sera stessa, verso le ore 17.00 ritornava mio marito dal lavoro e gli riferivo la notizia appresa relativa alla scomparsa del Prof. Narducci Francesco. Mio marito si recava subito alla villa per vedere se c’era qualcuno. Ivi giunto non trovava nessuno. Comunque entrava in casa e notava che il foglio di carta che era stato da noi visto sul davanzale della finestra era scomparso. Ritornava a casa e mi riferiva questo particolare. Entrambi abbiamo pensato che il foglio era stato preso dai familiari del Prof. Francesco, anche perché le chiavi della villa, per quanto mi risulta, le avevamo solamente noi oltre alla famiglia Narducci”.

dal GIDES 2007 pag. 17/18 estratto del verbale del 01.10.2002

1 Ottobre 2002 Trascrizione testimonianza Emma Magara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore