Il 4 Maggio 2002 rilascia testimonianza il Dr. Giovanni Battista Pioda.

Pioda all’epoca era specializzando in medicina interna. Incrociò il Narducci quel mattino dell’8 ottobre, verso le 11,30 – 12.00, mentre percorreva il corridoio, al piano terra, che portava ai laboratori o all’uscita. Il Narducci non rispose al saluto e “appariva pensieroso“.

Questo uno stralcio della sua testimonianza: “ …non ricordo di aver notato cambiamenti nel suo modo di fare o di vestire salvo l’ultimo giorno quello in cui scomparve, quando incontrai il Professor Narducci, alla fine dell’attività di reparto, in tarda mattinata, nel corridoio di piano terra che conduce all’uscita o ai laboratori; io lo salutai perché me ne stavo andando ma il Professore non mi rispose ed appariva pensieroso. La cosa era abbastanza inconsueta per lui perché era sempre corretto nel rapporto con i colleghi e rispondeva al saluto. In quest’occasione il professore guardava dritto davanti a se, come se fosse sopra pensiero; se ben ricordo dovevano essere le ore 11,30 – 12,00. Io rimasi stupito perché ci siamo incrociati in un momento in cui non passava nessuno nel corridoio e, sapendo che non era una persona maleducata, pensai che era assorto nei suoi pensieri. Non indossava il camice ma aveva, mi sembra, un giubbotto scamosciato; era diretto verso i laboratori ma non si esclude che potesse sia andare nel suo studio che uscire dalla porta laterale secondaria. Ricordo che era una giornata particolarmente calda anche se eravamo ad Ottobre; non so se indossasse anche una maglietta estiva; ma in genere indossava camicia e cravatta….

Vedi l’informativa: 29 giugno 2004 Informativa stato indagini Perugia Pag.2

4 Maggio 2002 Testimonianza di Giovanni Battista Pioda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore