Il 5 dicembre 1995 viene rilasciata testimonianza da Sabrina Carmignani.

1995 12 05 -Testimonianza Sabrina Carmignati

La CARMIGNANI Sabrina, già sentita alle ore 19.30 del giorno 9 settembre 1985 dai Carabinieri di San Casciano V/P, subito dopo la scoperta del duplice omicidio KRAVEICHVILI/MAURIOT, precisava e definiva ancor meglio le circostanze che erano state oggetto del suddetto verbale.

Dichiara che nel pomeriggio dell’8, circa alle 17.30, lei e il suo fidanzato Mauro Galli si sono fermati presso la piazzola di Scopeti. Hanno con loro dei panini e una fetta di torta perchè festeggiano il suo compleanno. Si accorgono della presenza della tenda e della macchina sulla piazzola e per non disturbare arretrano con la macchina rispetto a dove si erano inoltrati con la loro auto lungo la strada sterrata. La ragazza nota anzi che qualcuno sta dormendo dentro la tenda e abbassa, forse spegne, la musica per non disturbare. Ricorda che la tenda non è bella tesa come l’aveva vista nei giorni precedenti, ma appare con pieghe e forse storta, con un rigonfiamento che fa pensare a Sabrina che ci sia almeno una persona dentro a dormire.

Il loro intento è festeggiare con un panino e una fetta di torta, ma la ragazza è a disagio in quanto nota che la piazzola è molto sporca, c’è un forte odore di animale morto e mosche in abbondanza. Tiene a precisare che come infermiera ha lavorato in obitorio e conosce molto bene l’odore di putrefazione. Non solo, nota anche chiazze che definisce oleose e un paio di scarpe da donna rosse. I due ragazzi si trattengono solo 20/30 minuti, non scendono mai dall’auto e poi decidono di andarsene. In seguito rettifica che le chiazze oleose erano in realtà delle carte oleose, ma questo è aggiunto in fondo alla testimonianza dopo il letto e sottoscritto.

Mentre se ne vanno sono disturbati nella manovra dal sopraggiungere di un’altra auto che prima si ferma all’imbocco della piazzola, sosta pochi secondi e poi prosegue. Poco dopo torna indietro e si ferma nello spazio di fronte all’ingresso della piazzola. L’auto è descritta come una Regata per via dei fari quadrati. A bordo notano una persona alta e massiccia. La ragazza nomina anche la presenza frequente di un guardone che frequenta la casa del popolo e conosciuto come seghe-seghe.

Molto probabilmente i ragazzi sono di fronte al delitto già avvenuto, non se ne rendono effettivamente conto perchè i cadaveri sono occultati, solo riflettendo a posteriori se ne avvedono. Questa testimonianza anticipa il giorno del delitto che quindi non sarebbe avvenuto la notte fra domenica e lunedì, ma uno o due notti prima.

Cosa interessante appare la testimonianza del 5 dicembre 1985 dove in primis si nota il fatto che la Carmignani si rifiuta di firmare la verbalizzazione, e questo dovrebbe far riflettere, e in secundis  si nota una correzione di alcuni aspetti della precedente testimonianza. Si evince allo stesso tempo una “paura” che non sussisteva durante la prima testimonianza. In questa testimonianza la Carmignani identifica “Torsolo” alis Mario Vanni come l’uomo visto da altri testimoni. Però non firma.

5 Dicembre 1995 Testimonianza di Sabrina Carmignani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore