Il 12 dicembre 1991 viene convocato presso gli uffici della Squadra Mobile della Questura di Firenze, per essere interrogato, Giovanni Faggi. Sono presenti all’interrogatorio il Procuratore della Repubblica Pier Luigi Vigna, il Commissario Ruggero Perugini, l’Ispettore Riccardo Lamperi e il Maresciallo dei Carabinieri Pietro Frillici.

Giovanni Faggi viene interrogato in quanto il suo nome è messo nella perquisizione del 3 dicembre 1991 presso l’abitazione di Pietro Pacciani.

Giovanni Faggi è residente a Calenzano e riferì in merito alla sua conoscenza con Pietro Pacciani.

…  lo conobbi tanti anni fa, penso prima del 1980 per caso mentre ero a pranzo in un ristorante di Scarperia con un mio amico, un certo Renato G. ad un tavolo vicino al nostro vi era un uomo che poi ho saputo chiamarsi Pacciani e mi pare che a fianco a lui ce n’era un altro ed io dissi che facevo il rappresentante di mattonelle, di pavimenti e quel tale mi disse che un suo amico e avrebbe potuto avere bisogno di questa merce. Io lasciai un mio biglietto da visita e quell’uomo mi diede indicazioni circa la sua abitazione. Fu così che una volta trovandomi a passare per quella strada dal ritorno dai miei giri di lavoro, lo attesi sulla via che passava davanti a casa sua. lo incontrai e ricordo che vedendolo mal messo, gli regalai una tuta ed una penna. Non sono mai stata a casa del Pacciani e lui non è mai venuta a casa mia. Mi viene letta una cartolina del 10 marzo 1979 che io scrissi al Pacciani e che comincia con “Caro Pietro” e mi si fa rilevare che il suo contenuto sembra contrastare con il pochissimo rapporto che io ho avuto con il Pacciani. Rispondo che quando si scrive si cerca di usare un tono un po’ cordiale. Non ho conosciuto tale Vinci Salvatore che mi si dice avere abitato in passato nel comune di Calenzano ed anche Legri”.

12 Dicembre 1991 Trascrizione interrogatorio di Giovanni Faggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore