Il Messaggero Umbria

Funerali del giovane medico a Perugia nella chiesa di S. Maria delli Colli.

Il magistrato sicuro: E’ stata una disgrazia.

Oggi l’estremo saluto a Francesco Narducci.

Dopo la Messa alle 10, ci sarà la tumulazione al Civico Cimitero. La morte del Narducci è rimasta “carica di interrogativi che si legano in particolare alle cause che l’hanno prodotta”. Ieri mattina, il Dr. Centrone che non ha ritenuto di dover disporre l’autopsia e ha restituito di conseguenza la salma, ha così spiegato la decisione: “ L’autopsia – ha detto il magistrato – non si è resa necessaria in quanto vi sono sufficienti motivi per ritenere che si tratti di disgrazia. Cioè a seguito di un improvviso malore, Narducci sarebbe caduto in acqua ed annegato. Ciò si desume dalle comunicazioni della polizia di stato, dei carabinieri e dei certificati post mortem rilasciati dalla dottoressa che ha eseguito una sommaria visita esterna della salma. Il perito – spiega ancora il dottor Centrone – non ha infatti riscontrato alcuna contusione o ferita all’esterno che faccia supporre un diverso motivo del decesso”.

15 Ottobre 1985 Stampa: Il Messaggero – Funerali del giovane medico a Perugia
Tag:                         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore