Il 14 Ottobre 1985 Ugo Baiocco e Enzo Ticchioni si incontrano per una battuta di pesca ed il primo dice al secondo: “Pur avendo fatto il bagnino per vent’anni e avendo ripescato vari morti per annegamento, mai mi era capitato uno che stesse con le braccia alte e la pancia all’aria, di solito avevano la bocca piena di melma ed erano tutti ricurvi, il viso rivolto verso il basso, pieni di alghe. E soprattutto erano bianchi, perché stare in acqua per giorni interi, fa diventare bianchi“.

Tra l’altro le opinioni fra i due pescatori coincidono dato che anche Ticchioni afferma la stessa cosa nel suo verbale del 14 ottobre 2004.

Baiocco sapeva bene che l’acqua rallenta il processo di putrefazione anziché accelerarlo e che, anche dopo diversi giorni, la pelle si saponifica e diventa più bianca. Non scura. Fra l’altro la saponificazione è un processo irreversibile e come vedremo in seguito, alla riesumazione del corpo, il fenomeno della saponificazione non c’era, anzi, il corpo appariva parzialmente mummificato.

14 Ottobre 1985 L’opinione di Ugo baiocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore