Mentre si sta svolgendo la vestizione del corpo in garage il Maresciallo Lorenzo Bruni riferisce al proprio superiore di essere venuto a conoscenza di un biglietto ritrovato sul davanzale (o su un tavolo) della finestra della villa dei Narducci li a San Feliciano, forse scritto dallo stesso Francesco Narducci, e non più trovato. Ma il capitano Francesco Di Carlo risponde: «Ma sì, stai a pensare a queste cose! Si tratta di un semplice annegamento, non andiamo a…».

Deve trattarsi della lettera che i coniugi Luigi Stefanelli e la moglie Emma Magara hanno trovato il mattino dell’8 ottobre 1985, probabilmente sono stati proprio loro a parlarne con il Maresciallo Bruni.

13 Ottobre 1985 la lettera sparita di Francesco Narducci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore