Il Messaggero Umbria 

Senza esito al lago le ricerche del prof. Francesco Narducci.

Qualcuno ha visto il motoscafo allontanarsi dall’Isola Polvese”. Franco Cerbini, pescatore di Panicarola, ha visto qualcuno sul motoscafo del Narducci.

“Erano le quattro del pomeriggio di martedì – racconta Cerbini – e mi trovavo nei pressi delle sponde dell’Isola Polvese che guardano in direzione di Castiglione del Lago. Avevo fermato; la mia barca e stavo mettendo in acqua le reti quando ho visto un motoscafo aggirare l’isola e dirigersi verso Castiglione del Lago”. Il motoscafo era di colore chiaro. “A bordo dell’imbarcazione “, aggiunge Cerbini, “si trovava una persona seduta; ma che sia stato il medico scomparso non posso dirlo con certezza. Ricordo soltanto che procedeva a bassa velocità e che presumibilmente era solo”. Non ha visto altre imbarcazioni, ma dopo circa 15 minuti, se ne è andato via.. E’ Ugo Mancinelli che ha detto di essere stato lui a bordo di un gommone con un cliente, martedì pomeriggio. Vi è stato uno spiegamento di mezzi quale mai si era visto al Lago. Si propende per il malore. Vi è anche una telefonata fatta da Niko Clementi che diceva di aver visto il Narducci.

12 Ottobre 1985 Stampa: Il Messaggero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Traduttore