L’11 Ottobre 1985 viene ritrovato un proiettile inesploso Winchester calibro 22 serie H presso (a pochi metri) la buca delle lettere di San Piero a Sieve da dove è partita la lettera per la PM Silvia della Monica.

Per quale ragione vengono trovati una serie di proiettili  Winchester calibro 22 serie H in svariate località diverse, alcune enigmatiche come questa della cassetta delle lettere da cui probabilmente è partita la lettera a Silvia della Monica con il lembo di mammella di Nadine Mauriot?

Il 10 settembre 1985 un proiettile inesploso Winchester calibro 22 L.R. serie “H” viene trovato da un autista di ambulanze presso il parcheggio davanti alla sala mortuaria dell’Ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri.

Il 30 settembre 1985 in via del Granaio, una strada secondaria che da Poggio a Caiano porta a Carmignano, vengono ritrovati 32 proiettili Winchester calibro 22 L.R. serie H.

1 ottobre 1985 vengono recapitate presso la Procura di Firenze due buste anonime indirizzate ai due PM Dott. Paolo Canessa e Dott. Francesco Fleury. All’interno delle buste, inseriti in un dito di un guanto chirurgico vengono ritrovati dei proiettili Winchester calibro 22 L.R. serie “H”.

2 ottobre 1985 Andrea Ceri in via Carmignanello del Comune di Sesto Fiorentino, rinviene all’interno di una macchia di vegetazione che dava proprio sulla piazzola, ove erano solito intrattenersi le coppiette, una specie di postazione ben nascosta dalla quale era possibile vedere senza essere notati un proiettile Winchester calibro 22 L.R. serie “H”, integro nelle sue parti e senza segni di ruggine od altro, tanto che aveva dedotto che si trovasse lì da poco tempo.

5 ottobre 1985 viene spedita alla Procura della Repubblica di Firenze una busta anonima indirizzata al Capo della Procura Dott. Pier Luigi Vigna contenente, inserito in un dito di un guanto chirurgico un proiettile Winchester calibro 22 L.R. serie “H”.

Tutti i proiettili vengono “serviti” dopo il delitto di Scopeti del 1985 e tutti “serviti” con l’ultimo a 20 giorni dal primo.

La domanda da porsi è: Sono ritrovamenti casuali o qualcuno cerca di mandare un messaggio? Tre sono i proiettili Winchester calibro 22 L.R. serie “H” mandati ai procuratori, con un allegato: “Ve ne basta uno per ciascuno” e quattro sono i proiettili Winchester calibro 22 L.R. serie “H” ritrovati in quattro zone molto distanti fra loro. Poggio a Caiano, San Piero a Sieve, Bagno a Ripoli e Sesto Fiorentino.

I messaggi indicano un luogo, oppure una persona che in quel luogo trova un collocamento? I tre proiettili ai procuratori erano una minaccia, una sfida, oppure un messaggio tipo: “ Vi lascio a giro quattro proiettili, ragionateci su”. Una pista disattesa o approfondita dagli inquirenti?

11 Ottobre 1985 Ritrovamento proiettile inesploso a San Piero a Sieve
Tag:                             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore