Questa seconda versione è ovviamente ipotetica e si basa sul fatto che esistono delle testimonianze che indicano la presenza di Nadine Mauriot e Jean Michel Kraveichvili in tutta un’altra zona rispetto alla piazzola di Scopeti e che forse questa è stata raggiunta, stranamente, in maniera diversa.

In termini reali, come lo stesso Avv. Vieri Adriani cita nel suo libro, gli scontrini autostradali non sono mai stati acquisiti ufficialmente, mai verbalizzati. Questo, intrinsecamente, indica che non abbiamo una certezza che siano realmente appartenuti a Nadine Mauriot e Jean Michel Kraveichvili. Lo stesso Adriani riporta che sono stati ritrovati nella Volkswagen Golf bianca di Nadine dal fratello di Jean Michel, Serge Kraveichvili, che li consegnò all’avvocato che all’epoca si occupava del caso come parte civile, Santoni Franchetti. Certo appare incredibile che quella macchina, che è stata esaminata in ogni centimetro, abbia nascosto questi scontrini autostradali cosi bene e che poi siano stati ritrovati dal fratello della vittima, anche considerando che l’auto apparteneva a Nadine e immaginiamo sia stata riconsegnata alla sua famiglia e non a quella di Jean Michel. Per capirsi la macchina di Mainardi fu smontata pezzo per pezzo, dai pannelli interni delle portiere ai fanalini anteriori.

Allo stesso tempo anche l’elenco degli scontrini può far venire un dubbio che siano stati davvero verbalizzati presso una stazione dei Carabinieri. Il foglio appare molto sfuocato nella parte alta impedendo di leggere correttamente l’intestazione e vi è l’assenza di un numero di protocollo, numero che ogni verbale deve riportare.

Va poi detto questo: si è sempre sostenuto che gli scontrini, autostradali, dei negozi, bar, gasolio e vari, erano tenuti dalla Nadine per poterli scaricare dalle tasse come spese di un viaggio di lavoro. Si è sempre detto che Nadine era molto precisa nella conservazione di questi scontrini, ma decisamente questo non sembra assolutamente reale. Praticamente mancano una serie di scontrini autostradali, quelli francesi, quelli italiani per arrivare sino a Milano, quelli dopo l’uscita da Rapallo sino a giungere a San Casciano. Come riporta il libro di Adriani, c’è uno scontrino solo di un rifornimento a Binasco di 20.000 lire, e tutti gli altri scontrini di tutti gli altri rifornimenti? Ci sono pochi, pochissimi, scontrini alimentari, ma in un giorno si mangia a colazione, pranzo e cena, più varie ed eventuali, dove sono tutti questi scontrini? Si può quindi ipotizzare che buona parte degli scontrini non siano stati conservati o che non siano stati tenuti con cura e sono andati persi o anche che non avevano proprio nessuna importanza per Nadine. In compenso abbiamo 5 scontrini alla Parmigiani s.r.l.. Cinque scontrini che farebbero pensare ad acquisti per fare dei regali o su acquisti su commissione; oggetti che però non si sono mai trovati. Non è che ti metti in fila 5 volte per 5 acquisti diversi, chiedi di fare 5 scontrini se qualcuno ti ha chiesto di comprare qualcosa e portargliela.

Poniamo allora, per un attimo, che questi due documenti, i biglietti autostradali e gli scontrini, non esistano e diamo fede alla testimonianza di Giovanni Zoppi. Questa una parziale trascrizione del verbale dello Zoppi del 10 settembre 1985.

In pratica lo Zoppi dichiarava che il 10 Settembre 1985 nella sua funzione di  guardia venatoria volontaria alle dipendenze della Federcaccia aveva allontanato due cittadini francesi, riconosciuti poi in quelli uccisi a San Casciano, ed i cui volti aveva visto sul giornale “La Nazione” di quel giorno 10 settembre. Lo Zoppi Riferisce che era assieme ad un suo collega, tale Francesco Cellai. La sua testimonianza si riferisce alle ore 7,15 del 4.9.1985, visti accampati in uno spiazzo, frequentato da coppie, dove vigeva il divieto di campeggio imposto dal Comune di Sesto Fiorentino. Aggiungeva che, prima di allontanarsi dal posto, aveva constatato che i due turisti effettivamente avevano tolto la tenda, andandosene.

Indicando le ore 7.15 del 4 settembre 1985 lo Zoppi esclude automaticamente che queste persone potessero trattarsi dei due giovani francesi uccisi poi a Scopeti in quanto questi erano partiti da Montbeliard il 4 mattina e non potevano certo trovarsi a Monte Morello il 4 mattina alle 7.15. Questo è impossibile a meno che le 7.15 indicate nella testimonianza non si riferissero alle 19.15 e fossero state verbalizzate male perchè impropriamente pronunciate. Cioè il testimone dice 7.15 intendendo il pomeriggio (in Toscana è frequente dire l’orario in questi termini) e il verbalizzante diligentemente intende e scrive le 7.15 del mattino, verbalizza l’orario sbagliato. Oppure potrebbe esserci un errore di memoria dello Zoppi che indica il 4 settembre invece che il 5 settembre alle 7.15. 

Perchè porci questi quesiti quando la spiegazione 1° è cosi semplice e quasi lineare? Perchè ipotizzare due coppie di turisti francesi, di descrizione sovrapponibile, ambedue con una Golf bianca, ambedue con una tenda da campeggio, ambedue con una tenda arancione ed ambedue nell’area fiorentina, sono davvero una bella combinazione, una di quelle combinazioni difficili da accettare.

Se fosse stata scritta l’ora sbagliata i due francesi avrebbero potuto benissimo trovarsi alle 19.15 nell’area di Monte Morello. Se infatti verifichiamo su maps partendo da Montbeliard per arrivare all’area di Monte Morello sono sufficienti 8 ore di viaggio per arrivare. Partendo alle 8.30 da Montbeliard sarebbero arrivati alle 16.30 in via di Carmignanello, ovviamente senza considerare delle soste che sono compatibili con la presenza sul posto 19.15.

Questa testimonianza dello Zoppi trova poi conferma nelle testimonianze del 1 Ottobre 2001 di Francesco Cellai e Andrea Ceri, tanto che Michele Giuttari effettuerà ben due sopralluoghi nell’area, sia il 1 ottobre 2001 sia il 3 ottobre 2001.

La domanda spontanea è perchè in quell’area? Come la stessa domanda può essere valida pensando all’area di Scopeti. Ed ancora, se erano nell’area di Monte Morello, come sono arrivati poi nell’area di Scopeti? Questo secondo percorso possibile, nato sulla testimonianza di Zoppi e Cellai, è improbabile, ma è anche improbabile, come scrivevamo qualche rigo sopra, avere due coppie di francesi praticamente identiche nell’aspetto, nei mezzi e nella tenda, non solo ma occupanti entrambi un’area molto particolare in termini di storia etrusca. Sia le pendici di Monte Morello sia Scopeti hanno in comune aree sacre di origine etrusca.

Come sono finiti a scopeti dopo essere stati allontanati? Un percorso a ritroso davvero incredibile ed inutile considerando la meta successiva, cioè Bologna. 27 km. e 30 minuti di viaggio per raggiungere una piazzola dall’altra parte di Firenze.

Noi non abbiamo nessun interesse a prediligere l’una o l’altra via, ma è giusto che ognuno, nella sua analisi personale, abbia tutte le informazioni a disposizione per trarre le proprie conclusioni, il voler negare un’evenienza, per quanto remota, non è corretta prassi per cercare di capire.

4 Settembre 1985 2° analisi del percorso di Nadine Mauriot e Jean Michel Kraveichvili

5 pensieri su “4 Settembre 1985 2° analisi del percorso di Nadine Mauriot e Jean Michel Kraveichvili

  • 26 Febbraio 2021 alle 16:23
    Permalink

    Se si ‘gioca’ ad ipotizzare che gli scontrini dei francesi non facciano testo [e quindi non escludano di default, come normale che invece sia, le testimonianze Zoppi/Cellai/Ceri], allora a ‘sto punto nulla ci vieta di ipotizzare pure che Nadine e Michel campeggiarono, proprio nelle date e aree dei delitti, anche a Vicchio nel 1984 e prima a Giogoli nel 1983 etc etc.

    La Toscana e la campagna fiorentina sono normalmente meta di turisti stranieri;
    la Francia confina pure con l’Italia ed è facilmente raggiungibile in macchina;
    non vi sono norme che vietano l’ingresso in Toscana di coppie di francesi se una simile coppia vi è già presente sul territorio regionale.

    Cosa abbia quindi di tanto misterioso & improbabile che vi possano essere state due differenti coppie di francesi [sempre ammettendo che siano attendibili le testimonianze Zoppi/Cellai/Ceri], in due località ben differenti dell’area fiorentina, in un similare range di giorni di periodo di vacanze:
    sinceramente mi sfugge.

    Rispondi
    • 26 Febbraio 2021 alle 17:16
      Permalink

      Certo, concordiamo, che ci siano state più di una coppia di turisti francesi in area Toscana è più che possibile. Ciò che però deve essere tenuto di conto, per quanto improbabile sia questa “pista”, è il fatto che la coppia francese presentò dei documenti che il testimone riconduce ai due uccisi a Scopeti, che li riconosce dalla fotografia pubblicata dai giornali, che entrambe le coppie avevano una Golf bianca, che entrambe le coppie avevano una tenda, che entrambe le coppie avevano una tenda giallo/arancione, oltre che entrambi essere francesi. Due coppie francesi è probabile, due fotocopie francesi molto meno.
      Il problema di molti non è credere ad una possibilità o meno, il problema di molti è che escludono le possibilità per principio, convenienza, ignoranza, fatica di approfondire, presa di posizione. Il blog non riporta la verità in quanto tale, o quella che i vari della redazione ritengono più probabile, il blog riporta tutte le vicende legate al Mdf, sta al lettore scegliere cosa tenere di conto e cosa no. Una sua responsabilità verso se stesso se decide di cestinare.
      Capiamo che per molti è difficile credere che si cerchi di omettere il meno possibile quando per tanti anni tanti hanno omesso il più possibile ciò che non atteneva alle loro tesi. Noi cerchiamo di fare questo sforzo, omettere il meno possibile.
      Senza considerare, come scritto nell’articolo, che noi, altri magari si, di prove di questi scontrini non ne abbiamo avute.
      Il buon investigatore non nasconde una possibilità, la tiene presente anche se improbabile.
      Un’ultima cosa, giocare, ed anche sporco, lo fanno altri, proprio omettendo se non peggio.

      Rispondi
      • 27 Febbraio 2021 alle 19:11
        Permalink

        beh sai, è normalissimo che molti abbiano ben presente il fatto che certe testimonianze avvengono dopo che i fatti sono successi e vengono riportati sui giornali, e che umanamente le persone inavvertitamente mescolano ricordi e li metabolizzino da fonti plurime.
        A conferma di ciò, proprio nel caso specifico, c’è infatti che riconobbe la Nadine dalla foto… che non le rendeva affatto somiglianza rispetto a come portava i capelli al momento rispetto a quelli della foto e a come le era ‘invecchiato’ il viso.

        Rispondi
        • 27 Febbraio 2021 alle 19:48
          Permalink

          Si può succedere, pensa li è successo a due persone contemporaneamente, erano in due i guardiacaccia, due testimonianze. Come anche può succedere che un terzo, saputa la storia, si è recato sul posto e toh, trova un proiettile winchester calibro 22 serie H inesploso e lucido come quando è uscito di fabbrica. Li proprio sul posto. Ma quante combinazioni. Erano loro? Non lo erano? Non ha importanza essere certi del si o del no, l’importante è non escludere a priori.

          Rispondi
  • 22 Ottobre 2021 alle 22:38
    Permalink

    Ritengo importantissimo fare chiarezza su questi punti e apprezzo molto gli scenari raccolti fedelmente dalla redazione. Dobbiamo analizzare meglio quello che abbiamo, compresa una terza possibilità che possiamo scartare per sempre o che potrebbe spiegare la contemporaneità dei dati in ns possesso e le loro contraddizioni. Può sembrare assurdo ma la fonte sono le indagini Gides dove la pista era basata su un piano premeditato di attesa dei ragazzi francesi che sarebbero stati in contatto con il movimento Hare Krisnha che come sappiamo ha una sede vicino a Scopeti. L’Avv. Vieri Adriani nel 2010 ha smentito questa possibilità in nome dei familiari ma non possiamo sapere se davvero i famigliari fossero del tutto al corrente delle intenzioni di N.M. e JMK e dei loro contatti. Tralascio molti particolari riportati dai doc Gides che sarebbero automaticamente smentiti a loro volta e mi soffermo su un secondo elemento sempre tratto da stessi doc: la doppia Golf. Non entro nei particolari, mi limito a dire che in questo caso Vieri Adriani non smentisce e parla a sua volta di auto usata acquistata pochi giorni prima del delitto di Scopeti e rottamata pochi giorni dopo. Quando arrivò la squadra mobile la macchina era già pressata. Sembra un romanzo ma non lo è, come direbbe Lucarelli. E sarebbe bene chiarire: se sono dati fondati potrebbero spiegare Monte Morello e tante altre cose, se non lo sono vanno archiviati con motivazione. Un’altra cosa che andrebbe capita è come NM si è procurata in vita quella serie di piccole ferite riscontrate sul suo corpo. Maurri e gli altri periti non l’hanno capito, ma se cambiasse la dinamica dei giorni precedenti al delitto, lo si potrebbe capire

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore