Il 19 aprile 1985 viene convocato Spartaco Casini, un operaio che è stato dipendente di Salvatore V, il quale dichiara riassunti in questi punti:

− di conoscere VINCI Salvatore da vari anni, di cui è stato anche dipendente dal 1978 al 1983, licenziandosi per divergenze economiche;
− di aver visto spesse volte la MASSA Rosina scendere in strada piangendo con i segni delle percosse sul corpo e di ritenere che la causa scatenante la violenza del medesimo, fosse il tentativo di rifiuto a soddisfare le sue deviazioni sessuali;
− di aver intuito che il Salvatore costringeva la moglie a partecipare a delle orgie sessuali con uomini e donne;
− di aver conosciuto una certa Ada (PIERINI Ada), in quel periodo convivente del Salvatore, la quale si è lamentata della grande carica sessuale del medesimo;

− di conoscere tra gli amici del Salvatore un certo Silvano, muratore, che ha lavorato insieme a loro (BIANCALANI Saverio Silvano) ed un altro Silvano, di origine sarda (VARGIU Silvano), figlioccio del VINCI;
− di ricordarsi perfettamente, che in una circostanza, al rientro di un intervento in via della Chiesa, egli ha riferito di aver avuto un incontro con una prostituta;
− di aver notato che il VINCI è molto attaccato ad un coltello con lama monotagliente a punta, della lunghezza di cm. 10 circa, con il manico in osso, di color marrone chiaro, dalla forma ricurva all’estremità, che ha visto spesso affilare ad una mola;
− di non averlo mai visto in possesso di armi da fuoco, ma di averlo notato sparare bene e colpire il bersaglio durante le esercitazioni alle giostre.

Dal Rapporto Torrisi del 22 aprile 1986.

19 Aprile 1985 Trascrizione testimonianza di Spartaco Casini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore