SI CONOSCE LA TARGA DELL’ AUTO SOSPETTA?

FIRENZE (v.m.) – La “squadra speciale” formata da polizia e carabinieri, che sta dando la caccia al folle maniaco che ha ucciso quattordici persone, avrebbe alcune indicazioni per rintracciare la vettura che la sera del 29 luglio è stata vista nella zona di Vicchio, teatro dell’ ultimo feroce delitto. “Abbiamo – ha detto il procuratore della Repubblica, dottor Carlo Bellitto – un elemento obiettivo che ci fa circoscrivere il campo delle indagini”. Questo “elemento obiettivo” potrebbe essere, oltre alla siglia della provincia la prima lettera dell’ alfabeto del numero di targa. Gli investigatori dimostrano un certo interesse per questa vettura, del tipo e del colore di quella vista subito dopo il duplice delitto di Canezzano. Una volta rintracciata l’ auto, si dovrà stabilire se questo fatto sia da mettere in relazione all’ ultimo feroce omicidio compiuto otto giorni fa. Ma questa dell’ auto non è l’ unica pista che gli inquirenti stanno battendo, dopo che è caduto nel vuoto il loro appello allo sconosciuto che aveva telefonato dicendo di aver visto qualcosa, forse un’ auto, domenica notte sulla Sagginalese. Una ventina di uomini sono stati infatti sguinzagliati nei comuni intorno a Firenze alla ricerca di una traccia che porti al maniaco. Gli agenti cercano un uomo sui trentacinque anni che potrebbe essere stato curato in un ospedale psichiatrico tra il ‘ 74 e l’ 81, cioè tra il secondo ed il terzo duplice delitto, la cui cartella clinica potrebbe trovarsi nell’ ospedale stesso oppure presso lo studio di un medico specializzato in malattie mentali. Verranno setacciati anche gli ambienti delle prostitute, degli omosessuali e dei “guardoni” nell’ intento di raccogliere informazioni su persone o abitudini particolari che potrebbero mettere gli investigatori sulle tracce del “mostro”. Si cercherà di individuare, anche se l’ impresa non appare facile, qualche coppia che abbia frequentato le zone dove sono avvenuti i sette duplici omicidi per sapere se durante i loro incontri abbiano notato qualcosa o qualcuno. Intanto, la linea telefonica speciale (476262), installata sabato alle 18, continua a squillare. Sono moltissime le chiamate ma solo il due, tre per cento corrisponde a “criteri di concretezza ed attendibilità”. Hanno telefonato da Messina, Salerno, Napoli, Roma, Verona, La Spezia. A questo numero telefonico si sono rivolti maghi, veggenti, astrologi, casalinghe, impiegati di banca e persino uno scrittore di romanzi gialli che si è offerto di collaborare alle indagini. Pochissime le segnalazioni, moltissimi i consigli.

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1984/08/07/si-conosce-la-targa-dell-auto-sospetta.html

7 Agosto 1984 Stampa: La Repubblica
Tag:                             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Traduttore