Circa alle 6.30 arrivano sul posto il Colonnello Olinto Dell’Amico e il Sostituto Procuratore Antonino Caponnetto. I rilievi fotografici vengono eseguiti su richiesta del Procuratore Caponnetto da un gruppo specializzato dei carabinieri di Firenze. Il Procuratore Caponnetto detta il verbale di ricostruzione.

Nel frattempo molti curiosi si erano radunati sul posto.

Trascrizione Verbale di ricostruzione

Alle ore 6.30 del 22 agosto 1968 i sottostanti Dr. Antonino Caponnetto, Sost. Procuratore della Repubblica di Firenze, assistito dal Tenente dei CC. Olinto Dell’Amico, del gruppo CC. di Firenze, ci siamo recati in località “Castelletti” di Signa, via Vingone dove a poche decine di metri dall’incrocio per Lecore trovasi una autovettura tipo Alfa Romeo Giulietta TI, targata AR 63442, sui cui sedili anteriori sono i corpi di un uomo e di una donna, apparentemente senza vita.

Due bossoli ritrovati sul sedile posteriore
Ogiva rinvenuta sul pianale dietro il sedile destro

 

 

 

 

 

 

 

Si da atto che a mezzo dei militari del nucleo investigativo vengono eseguiti accurati rilievi fotografici, cui si fa rimando per una più esatta trascrizione della posizione dei corpi nella autovettura.
Su una prima sommaria ispezione allo esterno e di interno della vettura sono stati rinvenuti e repertati n° 2 bossoli cal. 22 rinvenuti a terra sul lato sinistro del veicolo, nonché un proiettile dello stesso calibro, deformato per schiacciamento, sul pavimento della vettura, nello spazio fra i sedili anteriore e posteriore sul lato destro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si da atto che è presente anche il Dr. Pratelli Ugo medico condotto di Signa per gli opportuni accertamenti rilievi medico-legali.

Corpo di Barbara Locci

Alle ore 8.05 sopraggiunti due autofurgoni funebri da Lastra a Signa e Campi Bisenzio, i due corpi vengono adagiati in due barelle onde consentire al Dr. Pratelli Ugo un primo sommario esame dei corpi; “Il cadavere della donna presenta un avanzato stato di rigidità cadaverica. Presenta esternamente due fori, uno sopra la mammella destra sul margine (e)sternale e uno in zona della branca xifo-ombelicale. Posteriormente si notano tre fori: uno in corrispondenza della scapola sinistra e due nella regione lombare sinistra. 
Il cadavere dell’uomo presenta egualmente un avanzato stato di rigidità cadaverica. Presenta un foro sulla regione ascellare sinistra, uno nel III superiore posteriore del braccio sinistro, uno sulla regione (p)arascapolare sinistra. Anteriormente presenta un foro al III medio del braccio sinistro, uno al III superiore del braccio sinistro, uno al III superiore dell’avambraccio sinistro. L’epoca della morte risale a circa 8 ore fa. Circa la causa della stessa, fatti salvi quelli che saranno i rilievi autoptici, le cause sembrano le identiche, sia per l’uomo che per la donna, in una emorragia intensa provocata da colpi di arma da fuoco.

L. e S.

Ugo Pratelli

Sost. Procuratore Caponnetto

Olinto D’Amico Tenente CC

Si da atto che durante l’ispezione del cadavere della donna è stato rinvenuto fra gli abiti della stessa un proiettile dello stesso calibro di quelli già in precedenza repertati.

Olinto D’Amico Tenente CC

Caponnetto

V Per presa visone e con rinuncia al quesito(?) 29.8.68 XXXX

XXXX per gg tre (processo con detenuto) XXXXX Fi 29.8.1968


All’interno dell’auto viene trovata, tra il sedile e il montante dello sportello lato passeggero, la borsa aperta  della Barbara Locci. Fu pensato che fosse stata frugata, ma niente risultò mancare. Viene ritrovata, nell’auto, anche il porta-patente di Antonio Lo Bianco contenente un piccolo calendario che si trovavano frequentemente all’epoca come pubblicità, nel caso di un barbiere con sopra raffigurante donne semi-svestite. La Locci presenta al collo una catenina d’oro spezzata di cui una parte giace sul pavimento della macchina e una parte è rimasta incastrata fra le pieghe della pelle.

La Posizione dei cadaveri si ritrova descritta nel Rapporto Giudiziario di Gherardo Matassino del 21 settembre.

” -Premettendo che il sedile anteriore destro è ribaltato si afferma che sdraiato in posizione supina giace Lo Binco Antonio con le mani che reggono i pantaloni, come nello atto di chi vuole abbassarli o calzarli. Gli stessi sono sbottonati a metà con la cinghia slacciata. Il Lo Bianco veste:canottiera di cotone bianco, casacca chiara, slips bianchi, pantaloni scuri, calzini scuri e calza solamente la scarpa destra Sui suoi vestiti, allaltezza della spalla sinistra e sul – ginocchio sinistro,si notano delle macchie di sangue Al posto di guida, sedile anteriore, trovasi Locci Barbara, in posizione semisdraiata,con il capo reclinato verso la spalla sinistra e gli arti superiori penzoloni lateralmente al busto. Le vesti della Locci sono scomposte tanto che ambedue le cosce sono scoperte quasi allaltezza dellinguine, La Locci veste:abito di stoffa variopinta, sottoveste chiara, reggiseno nero, mutandine bianche e non calza le scarpe che si trovano invece al di sotto del sedile anteriore. Evidenti fori prodotti da colpi di arma da fuoco si notano sul petto della donne, con macchie di sangue allaltezza dellombelico. Al collo della donna è posta una catenina in oro giallo, spezzata in due punti e lo spezzone, di circa tre centimetri, derivato dalla rottura,attaccato alla pelle.La catenina viene repertata e rimessa come corpo di reato.”

Viene poi ispezionata l’automobile.

Continuando nella sommaria ispezione dellinterno si rinviene, posta nello spazio esistente tra il sedile anteriore e quello posteriore destro, una pallottola esplosa, presumibilmente da cartuccia calibro 22, che viene repertata dal Magistrato. Nellispezionare le zone laterali ove è parcata lautovettura, sulla parte sinistra, in relazione alla direzione di marcia della macchina, si rinvengono tre bossoli recenti stampigliata sul fondello la lettera H. I bossoli, sempre di calibro 22, vengono anche questi repertati dal Magistrato.”

La zona viene setacciata con cura, alloperazione prendono parte, oltre a militari dellArma, Vigili del fuoco di Firenze e militari della Compagnia Genio Pontieri della Caserma *Predieridi Rovezzano. Loperazione stessa però esito negativo e nulla viene rinvenuto.

22 Agosto 1968 Verbale di sopralluogo ed di ispezione esterna dei cadaveri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *